La nostra storia - Abazia S.p.A.
497
page-template-default,page,page-id-497,bridge-core-2.0.5,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

LA NOSTRA STORIA

Da un gadget insolito è nata una grande azienda. Abazia spa è nata il 3 marzo 1961 da un’idea dei fondatori Aldo Bottazzi, ingegnere Vincenzo Roggero e geometra Giuseppe Roggero, che hanno creato un’azienda in società per realizzare il progetto di un portaombrelli per auto.

I tre aprirono la loro officina in una cascina rurale, ma come un fuoco di paglia, il portaombrelli ebbe vita breve. Bottazzi e i fratelli Roggero decisero allora di convertire l’azienda alla produzione dei primi piccoli cablaggi, interruttori e contatti elettrici. Grazie a questa intuizione cominciò una rapida evoluzione che portò Abazia spa a lavorare per importanti aziende come Magneti Marelli.

 

Negli anni ’90 Abazia spa costruisce una grande officina attrezzata per la costruzione e gli stampi termoplastici, ancora oggi fiore all’occhiello dell’azienda, andando a intercettare un’esigenza crescente del mercato.

In quest’epoca entra nel gruppo Gianni Racioppa, uno dei più importanti progettisti e costruttori di stampi termoplastici in Italia, che dà la svolta alla crescita di Abazia spa immettendo un importante portafoglio clienti e formando un gruppo di giovani per la realizzazione degli stampi, che oggi sono diventati figure importanti e di una certa levatura per soddisfare anche i clienti più esigenti.

Negli ultimi anni, Abazia spa ha iniziato a dedicarsi con successo anche al settore dello stampo delle chiusure per detergenza, alcolici, cosmetica e medicale.

Nel tempo, l’espansione di Abazia spa ha portato ad occupare l’intera collina su cui sorgeva inizialmente la piccola cascina rurale, occupando una metratura di 4800 metri quadri distribuiti su due piani. La continua crescita e la mancanza di spazio fisico sulla collina natia ha portato, il 30 giugno 2008, ad acquisire 70.000 metri quadri di terreno (di cui 13.500 coperti, con progetto di espansione fino a 18.000). Grazie a questa operazione Abazia spa ha potuto traslocare nella nuova sede, che oltre ad essere più ampia è anche strategica per quanto riguarda i trasporti, poichè si trova di fronte al casello autostradale di Felizzano.